Search   You are here:  Formazione insegnanti  
Account Login Riduci


Registrazione
Hai dimenticato la Password ?


INCONTRI GRATUITI RIVOLTI A GENITORI ED INSEGNANTI Riduci
 Titolo Descrizione
Nov. 2015 - Dic. 2015 - Genn. 2016Incontri gratuiti rivolti ai genitori di bambini e ragazzi DSA
16 gennaio 2015 -Leggerci chiaro, Dislessia e libri ad alta leggibilitàDownloadLeggere è un diritto di tutti, anche di chi ha difficoltà a farlo, per i più diversi motivi. I libri ad alta leggibilità facilitano l'inclusione nel mondo dei lettori di tutte le persone per le quali leggere non è così scontato. Ecco perché nasce l'esig
11 dicembre 2013 Serata Gratuita sui DSA a Vicenza Incontro rivolto a genitori di Bambini con DSA presso "LaLudo" di Vicenza
22 gennaio 2015 DSA… dislessia, disortografia, disgrafia e discalculiaSerata di sensibilizzazione sui Disturbi Specifici di Apprendimento rivolta a genitori , docenti e a tutti coloro che desiderano avere informazioni e chiarimenti sui Disturbi Specifici di Apprendimento e la normativa in vigore
25 febbraio 2014 Serata Gratuita sui DSA ad Altivole Cosa s'intende per DSA? Cosa può succedere in classe? Come genitore cosa posso fare?
Febbraio - Maggio 2014 Incontri GRATUITI a MontebellunaCiclo di incontri sui DSA, linguaggio e autonomia nei bambini 0-5, la gestione dei capricci, psicomotricità, obesità infantile, la schiena a scuola, disabilità sensoriale uditiva...
30 ottobre 2014 Ma un DSA... come si sente a scuola?Serata gratuita sui DSA rivolta a genitori e insegnanti a Volpago del Montello
18 novembre 2014 -Il bambino con ipoacusia a scuolaSerata rivolta ad insegnanti della scuola primaria e secondaria e a genitori, sulle modalità di approccio nel contesto scolastico in presenza di studenti con ipoacusia. Discussione su eventuali problematiche e confronto genitori-insegnanti.
Stampa  

Proposte di Formazione - Info: doriana.binotto@gmail.com Riduci

“Non ci sono motivi tecnici,

 scientifici, filosofici o morali perché la scuola debba diventare

 luogo di sofferenza”

Vayer 1965

“Proposta formativa 2016-2017”

 

SCUOLA DELL’INFANZIA

Supervisione insegnanti scuola dell'infanzia. Siete un gruppo di insegnanti che necessitano un percorso di formazione specifico e personalizzato? Chiedete informazioni doriana.binotto@gmail.com

Area di formazione: Campi di esperienza e traguardi per lo sviluppo delle competenze  

Obiettivo formativo: per l'insegnante della scuola dell'infanzia è difficile partire dalle competenze per definire l'attività didattica, per loro risulta più facile pensare a "cosa far fare ai bambini" pur avendo ben chiari in testa i traguardi di ciascun campo di esperienza. Scopo del percorso è guidare l'insegnante nel divenire consapevole delle competenze su cui intende lavorare per ciascuna UDA collegandosi alle attività didattiche.

Incontri formativi:

·         La definizione degli obiettivi di apprendimento a partire dai traguardi di sviluppo della competenza anche in chiave Europea.

·         Come sviluppare (o adattare) un’attività didattica in base alle competenze previste per ciascun campo di esperienza.

·         Attività didattiche e campi di esperienza: la costruzione annuale del curricolo a partire dai traguardi di sviluppo della competenza tenendo presenti le caratteristiche del gruppo di bambini.

 

Area di formazione: Intelligenza numerica e il Campo di esperienza “La conoscenza del mondo”

Obiettivo formativo: guidare l’insegnante affinché diventi autonoma nella programmazione e realizzazione del laboratorio dell’Intelligenza numerica tenendo presenti le competenze da raggiungere previste nel Campo di esperienza “La conoscenza del mondo”; integrazione con le competenze richieste nel Quaderno Operativo 2014

Incontri formativi:

·         L’intelligenza numerica: definizione, i risultati della ricerca neuropsicologica, aspetti metodologici.

·         La stesura del progetto per il laboratorio di potenziamento dell’Intelligenza numerica.

·         L’Intelligenza numerica alla scuola dell’infanzia: un metodo pratico e divertente per potenziare i bambini senza l’utilizzo di schede.

·         Come adattare le attività didattiche dell’area dell’intelligenza numerica nel caso di bambini in difficoltà e quando è possibile definirle come “persistenti” (Quaderno Operativo 2014).

 

Area di formazione: Il campo di esperienza “I discorsi e le parole”

Obiettivo formativo: programmazione delle attività educativo-didattiche per realizzazione del laboratorio/percorso linguistico tenendo presenti le competenze da raggiungere previste nel Campo di esperienza “I discorsi e le parole”; integrazione con quanto previsto dal Quaderno Operativo 2014.

Incontri formativi proposti:

·         Gli obiettivi del laboratorio (o percorso) linguistico e i traguardi per lo sviluppo della competenza del campo di esperienza “I discorsi e le parole”.

·         La competenza semantico-lessicale come traguardo per lo sviluppo della competenza.

·         Le competenze richieste per l’ingresso alla scuola primaria (Quaderno operativo 2014).

·         Come sviluppare le abilità e le competenze linguistiche in base alle indicazioni nazionali in chiave europea.

 

Area di formazione: Quaderno Operativo 2014

Obiettivo formativo: favorire una maggiore conoscenza del protocollo di intesa per le attività di identificazione precoce previste dal Quaderno Operativo 2014; l’osservazione sistematica offre uno spunto su quali siano gli obiettivi della fascia di età più alta e conseguentemente quali devono essere le abilità sviluppate precedentemente nella altre fasce di età; favorire competenze specifiche nella programmazione delle attività didattiche fascia 3-6.

Incontri formativi proposti:

·         Integrare le aree previste dall’Osservazione Sistematica del Quaderno Operativo 2014 e i campi di esperienza.

·         Chiarimenti sull’osservazione sistematica di rilevazione precoce e gli indicatori di verifica: una risposta a tutti i quesiti dell’insegnante.

·         Programmare l’“Osservazione sistematica di rilevazione precoce prevista dal Quaderno Operativo 2014” senza interferire con la quotidianità dell’azione educativa e didattica.QQ  

·         Quaderno Operativo 2014, Indicazioni per il curricolo 2012, Linee Guida DSA  2011: quale legame?  .

·         Lo sviluppo delle competenze metacognitive previste in ciascun campo di esperienza.

·         Un bambino è in difficoltà: perché? 

·         Come spiegare ai genitori la presenza di difficoltà persistenti e l’invio della lettera di segnalazione

 

Area di formazione: Disturbi specifici di apprendimento e scuola dell’infanzia

Obiettivo formativo: ampliare le conoscenze nell’ambito dei prerequisiti dell’apprendimento, fare chiarezza sugli strumenti a disposizione degli insegnanti, presentare le caratteristiche dei DSA

Incontri formativi proposti:

·         DSA: definizioni, caratteristiche e fattori di rischio.

·         Le Linee Guida DSA del DM 5669  e il ruolo della scuola dell’infanzia. 

·         DSA o semplice difficoltà?

·         Come spiegare ai genitori la presenza di difficoltà persistenti e l’invio della lettera di segnalazione  

·         Quaderno Operativo 2014, Indicazioni per il curricolo 2012, Linee Guida DSA  2011: quale legame?

 

 

SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA

Area di formazione:  “IL NUOVO RUOLO DEL DOCENTE”

·         La società tecnologica: pro e contro

·         Scuola nella società

·         Il ruolo del docente nella società odierna

·         La motivazione nel docente

·         Gli stili del docente

·         I rapporti con i colleghi

·         (Percorso per favorire la coesione delle équipe pedagogiche)

 

Area di formazione:  “DIDATTICA METACOGNITIVA E METODO DI STUDIO”

·         La didattica metacognitiva;

·         Il metodo di studio;

·         Gli stili cognitivi;

·         Differenze individuali, studio strategico e metodo di studio;

·          I “compiti per casa”: esercizio di apprendimento o potenziamento dell’errore?;

·         Il metodo di studio può essere uguale per tutti?;

·         Lo studio e la spiegazione con le mappe concettuali.

 

Area di formazione:   “DSA: DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO”

·         Introduzione ai DSA: difficoltà o disturbo specifico?;

·         Dalla segnalazione alla diagnosi;

·         Aggiornamento sulla normativa;

·         Dislessia, disortografia, disgrafia e discalculia;

·         Disturbo specifico dell’apprendimento non verbale.

 

Area di formazione:  “ COSA PUO’ FARE LA SCUOLA: PREVENZIONE E DIDATTICA”

·         Competenze o conoscenze?;

·         Gli strumenti compensativi e dispensativi: come, quando e perché (riferimenti legislativi);

·         E se un alunno ha difficoltà ma non ha né DSA né rientra nella L. 104?.

·         La stesura del PDP

·         Dsa e metodologie didattiche

·         PDP: dalla stesura all’applicazione

·         PDP: burocrazia o documento efficace?

·         PDP per DSA e BES: differenze e riferimenti normativi

·         PDP ed esame di stato: quale implicazioni nel caso di DSA o BES

 

Area di formazione:  “IL DISTURBO SPECIFICO DI APPRENDIMENTO DELLA LETTO-SCRITTURA”

·         Dislessia, disortografia e disgrafia;

·         La lettura e la scrittura: i modelli neuropsicologici di riferimento;

·         I pre-requisiti di apprendimento;

·         L’apprendimento della letto-scrittura;

·         Gli errori di lettura e di scrittura: analisi di alcuni profili;

·         Gli strumenti di valutazione per la scuola primaria e secondaria di primo grado  (prove MT,..)

·         Perché è sconsigliato il metodo globale?

·         Il potenziamento dei prerequisiti alla primaria;

 

Area di formazione:  “IL DISTURBO SPECIFICO DI APPRENDIMENTO DELLA MATEMATICA”

·         Intelligenza numerica: i meccanismi innati;

·         I modelli teorici della cognizione numerica;

·         Semantica, sintassi e lessico dei numeri;

·         Difficoltà di calcolo e disturbo specifico del calcolo;

·         Le tipologie di errori nella matematica;

·         Gli strumenti di valutazione;(lab. AC-MT)

·         Principi metodologici di intervento nelle difficoltà di matematica (lab.).

 

Area di formazione:  “DIDATTICA DELLA MATEMATICA AL PRIMO CICLO PRIMARIA”

·         L’intelligenza numerica

·         Perché la rendiamo così faticosa?

·         Basi didattiche per un apprendimento efficace

·         Le metodologie che favoriscono .. le difficoltà matematiche!

·         Metodologie efficaci: perché funzionano?

·         Decine e unità… non sono colori!

·         Come potenziare il calcolo a mente

·         Metodo per le prime fasi di apprendimento della matematica

 

Area di formazione:  “DIDATTICA DELLA MATEMATICA  SCUOLA SECONDARIA”

·         L’intelligenza numerica

·         Perché per molti studenti è faticosa la matematica?

·         Basi didattiche per un apprendimento efficace

·         Le metodologie che favoriscono .. le difficoltà matematiche!

·         Metodologie efficaci: perché funzionano?

·         Come potenziare il calcolo a mente

·         Abilità logiche

·         Matematica: l’importanza della comprensione delle definizioni

·         Matematica non è memorizzare una procedura ma comprenderne il significato

 

Stampa  

Home:Mi presento:Definizione DSA:Formazione insegnanti:Incontri sui DSA per genitori:Normativa DSA e BES:Iniziative per i bambini:Articoli sull'apprendimento
Copyright (c) Doriana Binotto Condizioni d'Uso Dichiarazione per la Privacy